La storia del film si svolge durante il regno di Yeonsan (1476-1506), conosciuto in quel tempo come un sovrano dispotico e crudele. Il popolo pensa che abbia anche gravi problemi personali.
Jang-saeng è un clown spavaldo e con scarso rispetto per le autorità che abbandona la sua compagnia teatrale dopo che il suo amico Gong-gil, di cui è innamorato, è diventato sempre più spesso oggetto di morbose attenzioni da parte degli aristocratici locali e merce da vendere per il capo della compagnia.
Insieme partono per Hanyang (l’attuale Seoul) per iniziare una nuova vita. Qui, dopo aver ingaggiato altri “buffoni”, allestiscono una rappresentazione teatrale di gran successo che ironizza sul re Yeonsan e la sua concubina preferita.
Quando il re vede lo spettacolo, gli piace a tal punto da offrire loro una residenza a corte. Il re inizia però a prestare particolari attenzioni verso Gong-gil generando la feroce gelosia di Nok-su, la sua concubina, che progetta una diabolica vendetta. Lo spettacolo che i due clown allestiscono è quasi un film dentro al film, la finzione si confonde con la realtà quasi predicendola. Vietato in alcuni paesi, Cina in particolare, a causa della storia d?amore omosessuale raccontata, il film è record d’incassi nel paese d’origine, la Corea del Sud, dove ha venduto ben 12 milioni di biglietti su una popolazione di 48.

Diretto da Jun-ik Lee

Con:
Jin-Yeong Jeong
Woo-Seong Kam
Jun-Gi Lee
Seong-Yeon Kang

Sceneggiatura:
Seok-Hwan Choi

Fotografia:
Gil-Wung Ji

Musica:
Byeong-Wu Lee

Montatore:
Sang-Beom Kim



One Response to “"The King and the Clown"”

  1.   Sophia Says:

    Ho visto il film qualche settimana fa e mi è piaciuto molto. Ho visto per la prima volta l’ramai famoso giovane attore Junki che nel ruolo “femminile” è decisamente bravo.
    Un film che spero arrivi in Italia…ma ho qualche dubbio :(
    Grazie della recensione!!